Ciao a te e benvenuto nel forum della Associazione Culturale ZONACUSTICA. L'obiettivo di questo posto è dare spazio a chi ha voglia e bisogno di disquisire riguardo alla MUSICA ACUSTICA, con particolare attenzione per la musica di chitarra.
 
IndiceFAQCercaGruppiRegistratiAccedi
Cerca
 
 

Risultati per:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Ultimi argomenti
» Bob Brozman.. Parliamone
Ven Ott 26, 2018 11:31 am Da giuseppe.santagada

» Yamaha fg720s-12 e parlor vintage
Ven Ott 19, 2018 11:40 pm Da fabfor

» Dare una sistemata al forum
Ven Ago 17, 2018 8:45 am Da othellico

» digitech trio
Ven Lug 06, 2018 2:37 am Da pacoseven

» 2° Open Mic presso El Magasin "soto le visele"
Ven Giu 22, 2018 6:36 pm Da Sandro

» Grazie mille
Lun Giu 18, 2018 10:58 pm Da Guerino

» Quanto tempo 2...
Dom Giu 03, 2018 6:10 am Da osvi

» FLORIO POZZA
Gio Mag 31, 2018 6:26 am Da spaola

» Mi presento
Lun Mag 28, 2018 8:25 pm Da fabfor

» Ciao ragazzi, passavo di qui......
Mar Mag 22, 2018 11:19 pm Da Guerino

I link degli amici
logo







musicisti
GIOVANNI FERRO
Chi è online?
In totale ci sono 3 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 3 Ospiti :: 1 Motore di ricerca

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 61 il Ven Nov 18, 2011 4:34 pm

Condividi | 
 

 utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite

Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
ry



Messaggi : 649
Data d'iscrizione : 13.11.09

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Sab Apr 30, 2011 2:52 pm

cattanic ha scritto:
.g♥♪ ha scritto:
la teoria può essere l'organizzazione dell'empirico
o come diceva un profeta
lern the art and put it apart

la teoria è solo un modo per descrivere a parole l'empirico. senza dovere ogni volta suonare per spiegare. se la teoria non è ciò è cattiva teoria imho


Quoto tutti e due....il problema e' che l'empirismo esce mentre "fai" e poi non ti ricordi +...dovrei scrivere ogni volta che faccio delle prove....tipo suonato ... triade maggiore aggiungendo la 6...sta bene/fa schifo...

...la teoria e' l'insieme delle esperienze di altri musicisti organizzata in modo da essere trasmessa facilmente e....non solo questo ma anche...

....la pentatonica maggiore con l'aggiunta della 7M e' interessante...e' chiaro che x poterla apprezzare ed utilizzare devi gia' essere un po' in la'
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
ry



Messaggi : 649
Data d'iscrizione : 13.11.09

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Sab Apr 30, 2011 2:55 pm

perrycoloso ha scritto:
visto che siamo in tema...ma come si costruisce l'arpeggio?
ad esempio io ho trovato dei bei tabulati su dariocortese.com
e li ad esempio nel accordo di settima (poniamo il caso del sol)mi mette in successione sol si do fa sol si re MI sol...il mi che c'entra in questo caso?abbellimento?
domanda due ma utilizzare l'arpeggio dell'accordo come dici tu cattanic, è come utilizzare una scala?o devi un attimo "aggiustarlo"

p.s.
la teoria può essere l'organizzazione dell'empirico
o come diceva un profeta
lern the art and put it apart
punto G ha espresso bene il mio pensiero!


Il modo migliore x imparare gli arpeggi, almeno x me ha funzionato, e' il CAGED system come viene esposto da Ernie Hawkins, 3 DVD che valgono molto dal punto di vista didattico.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
ry



Messaggi : 649
Data d'iscrizione : 13.11.09

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Lun Mag 02, 2011 7:04 pm

....una cosa che ho notato nel tempo è che quasi tutte le note funzionano...se il ritmo è corretto,

voglio dire che spesso l'elemento ritmico è più importante della scelta della nota.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Guidog

avatar

Messaggi : 542
Data d'iscrizione : 27.10.09
Età : 57
Località : Milano

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Lun Mag 02, 2011 8:21 pm

ry ha scritto:
....una cosa che ho notato nel tempo è che quasi tutte le note funzionano...se il ritmo è corretto,

alt !! prima si diceva che la seconda minore nell'accordo diminuito non si deve suonare
io sono certo che ogni tanto la suono, perche' in qualche improvvisazione mi scappano noticine realmnte orripilanti
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
cattanic

avatar

Messaggi : 352
Data d'iscrizione : 22.11.09
Età : 47

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Lun Mag 02, 2011 10:11 pm

Guidog ha scritto:
ry ha scritto:
....una cosa che ho notato nel tempo è che quasi tutte le note funzionano...se il ritmo è corretto,

alt !! prima si diceva che la seconda minore nell'accordo diminuito non si deve suonare
io sono certo che ogni tanto la suono, perche' in qualche improvvisazione mi scappano noticine realmnte orripilanti

Hai ragione, ho sbagliato a scrivere, intendevo l'accordo semidiminuito, il secondo grado nelle tonalità minori, lì a me non piace la seconda minore perchè mi sa troppo di relativa maggiore.
Sul diminuito invece ci sta. Sorry Rolling Eyes
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.nicolacattaneo.eu
ry



Messaggi : 649
Data d'iscrizione : 13.11.09

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Lun Mag 02, 2011 11:03 pm

Guidog ha scritto:
ry ha scritto:
....una cosa che ho notato nel tempo è che quasi tutte le note funzionano...se il ritmo è corretto,

alt !! prima si diceva che la seconda minore nell'accordo diminuito non si deve suonare
io sono certo che ogni tanto la suono, perche' in qualche improvvisazione mi scappano noticine realmnte orripilanti


...a questo punto c'e' solo una cosa da fare : farla diventare una nota di passaggio e scivolare di un tasto sopra o sotto.....poi io ho detto "quasi tutte le note" ...non tutte le note....e in quel quasi ci sta tanta roba..d'altra parte se consideri che in una settima completa di estensioni: 9-11-13 ci stanno tutte le note della scala di appartenenza, poi considera la pentatonica blues minore e ci metti la 4+,poi considera la pentatonica maggiore e ci metti anche la 2 e 6 ( che gia' ci stanno come 9 e 11) ecc...
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
andreavezzoli



Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 08.12.10
Età : 36
Località : corte franca (BS)

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Mar Apr 03, 2012 11:10 pm

nel jazz a mio avviso il termine scale modali per indicare le scale da utilizzare sui vari accordi costruiti sui grade della scala è sbagliato, in un contesto tonale, per esempio II-V-I le scale costruite sui vari accordi non sono modali perchè sottastanno a funzioni tonali...

si parla di modalità quando la musica non sottastà più a funzioni tonali, per esempio nei brani
di Miles Davis
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.andreavezzoli.it
francosignore

avatar

Messaggi : 1004
Data d'iscrizione : 29.11.09
Località : Campi Salentina -Salento

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Mer Apr 04, 2012 12:11 pm

andreavezzoli ha scritto:
nel jazz a mio avviso il termine scale modali per indicare le scale da utilizzare sui vari accordi costruiti sui grade della scala è sbagliato, in un contesto tonale, per esempio II-V-I le scale costruite sui vari accordi non sono modali perchè sottastanno a funzioni tonali...

si parla di modalità quando la musica non sottastà più a funzioni tonali, per esempio nei brani
di Miles Davis

Giustissimo,"modale" è anche sbagliato dal punto di vista storico. I modi, nella musica gregoriana, avevano "funzione" diversa.
Tuttavia, quando si studia l'improvvisazione, le "scale modali" funzionano, nel senso che poi si impara ad associare una scala (spesso sbagliata) a un accordo.

Come sottolineato da te, nel Jazz, "modale" è un brano privo di quelle strutture armoniche "funzionali" proprie del "tonale", nel senso che non esistono gerarchie tra gli accordi(So What per esempio). Cioè non è detto che dopo 10 battute in misolidio Esempio in Do -> G7) poi si finisca sullo Ionio anzi.



Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.francosignore.it
aretna

avatar

Messaggi : 731
Data d'iscrizione : 10.08.10
Età : 53
Località : Ravenna

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Mer Apr 04, 2012 1:09 pm

Meglio così ,non so nuotare Laughing
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
francosignore

avatar

Messaggi : 1004
Data d'iscrizione : 29.11.09
Località : Campi Salentina -Salento

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Mer Apr 04, 2012 1:12 pm

aretna ha scritto:
Meglio così ,non so nuotare Laughing

"sullo" non "nello" Very Happy
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.francosignore.it
andreavezzoli



Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 08.12.10
Età : 36
Località : corte franca (BS)

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Mer Apr 04, 2012 2:25 pm

si i modi funzionano per improvvisare ma spesso non ci permettono di "pensare" alle note di passaggio cromatiche, alle appoggiature, mentre nel jazz tonale io propenderei per studiare in base ai concetti "tensione" e "risoluzione", studiando anche le scale per ogni accordo.

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.andreavezzoli.it
francosignore

avatar

Messaggi : 1004
Data d'iscrizione : 29.11.09
Località : Campi Salentina -Salento

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Mer Apr 04, 2012 5:26 pm

andreavezzoli ha scritto:
si i modi funzionano per improvvisare ma spesso non ci permettono di "pensare" alle note di passaggio cromatiche, alle appoggiature, mentre nel jazz tonale io propenderei per studiare in base ai concetti "tensione" e "risoluzione", studiando anche le scale per ogni accordo.


giusto....molto giusto.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.francosignore.it
DarioTrevisan



Messaggi : 12
Data d'iscrizione : 26.09.12
Località : San Vito al tagliamento (PN)

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Dom Nov 04, 2012 12:05 pm

Ciao, hai lanciato uno spunto molto interessante. Sicuramente c'è modo e modo di studiare musica. A mio avviso il miglior modo di studiare musica è di apprendere uno o pochi concetti alla volta e dedicare molto tempo a saperli tradurre sullo strumento, in tutte le tonalità, "girati e rigirati" ma la cosa più importante di tutte è capire l'anima musicale che contengono, cioè sentire il suono di quello che stai studiando, questo riguardo agli intervalli (importantissimi) quindi scale, modi, accordi, arpeggi, ecc ecc, studiare queste cose solo in modo meccanico e poi metterle "nel cassetto" molte volte non conduce a nulla. Tempo fa ho studiato le scale su e giù in maniera lineare, per molto tempo, e col senno di poi posso dirti che è stato quasi deleterio fare ciò perchè costringe il tuo cervello a far fluire le note in quel modo, non riuscivo a creare frasi mentre improvvisavo o componevo. Quindi ho imparato che è meglio dedicare tempo a sentire come suonano i "concetti teorici", per poter FARE MUSICA!
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
andreavezzoli



Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 08.12.10
Età : 36
Località : corte franca (BS)

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Dom Nov 04, 2012 5:05 pm

c'è un'altra questione:

in musica non esistono regole, ma prassi esecutive che identificano un genere musicale, un'epoca, una zona geografica, quindi fissarsi solo sullo studio a memoria di scale e arpeggi, pur importante, se non affincato da una serie di altre cose non serve.

Bisognerebbe affiancare:

l'ascolto di molta musica di vario genere, l'analisi armonica, la pratica improvvisativa di gruppo (quando è possibile), la lettura di biografie...

Anche perchè certe tonalità sulla chitarra sono scomode e poco usate:
non comporrei mai un brano per chitarra sola in mib maggiore perchè non potrei sfruttare le corde vuote...
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.andreavezzoli.it
Jo
Admin
avatar

Messaggi : 2793
Data d'iscrizione : 24.10.09
Località : Colognola ai Colli

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Lun Nov 05, 2012 3:31 pm

Andrea, sono d'accordo su tutto, ma non sul discorso della tonalità di Eb che non permetterebbe l'uso delle corde libere. In realtà in ogni in tonalità le corde libere hanno un loro perchè, anzi a volte sono proprio le tonalità "accidentate" che permettono di fare con le corde libere le cose più interessanti.
tornando all'esempio di Eb abbiamo i gradi 3, 5#, 5b, 7, 9b come corde libere.
Ti assicuro che ne nascono cose molto interessanti

_________________
jotube
sito
sunny  
“Guitars should be played, not DISplayed”
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
andreavezzoli



Messaggi : 43
Data d'iscrizione : 08.12.10
Età : 36
Località : corte franca (BS)

MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   Lun Nov 05, 2012 4:56 pm

su questo hai perfettamente ragione Smile non ci avevo pensato

ed è anche vero che anche non usare le corde vuote potrebbe essere usato come effetto:

modulando da una tonalità in cui usiamo molte corde vuote ad un altra in cui non utilizziamo potremmo ottenere effetti di chiaro scuro ...

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.andreavezzoli.it
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite   

Torna in alto Andare in basso
 
utilizzare le proprie conoscenze, o come usare le conoscenze acquisite
Torna in alto 
Pagina 2 di 2Vai alla pagina : Precedente  1, 2

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: SI PARLA DI MUSICA :: SPUNTI DI TECNICA E TEORIA MUSICALE-
Vai verso: