Ciao a te e benvenuto nel forum della Associazione Culturale ZONACUSTICA. L'obiettivo di questo posto è dare spazio a chi ha voglia e bisogno di disquisire riguardo alla MUSICA ACUSTICA, con particolare attenzione per la musica di chitarra.
 
IndiceFAQCercaGruppiRegistratiAccedi
Cerca
 
 

Risultati per:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Ultimi argomenti
» Bob Brozman.. Parliamone
Ven Ott 26, 2018 11:31 am Da giuseppe.santagada

» Yamaha fg720s-12 e parlor vintage
Ven Ott 19, 2018 11:40 pm Da fabfor

» Dare una sistemata al forum
Ven Ago 17, 2018 8:45 am Da othellico

» digitech trio
Ven Lug 06, 2018 2:37 am Da pacoseven

» 2° Open Mic presso El Magasin "soto le visele"
Ven Giu 22, 2018 6:36 pm Da Sandro

» Grazie mille
Lun Giu 18, 2018 10:58 pm Da Guerino

» Quanto tempo 2...
Dom Giu 03, 2018 6:10 am Da osvi

» FLORIO POZZA
Gio Mag 31, 2018 6:26 am Da spaola

» Mi presento
Lun Mag 28, 2018 8:25 pm Da fabfor

» Ciao ragazzi, passavo di qui......
Mar Mag 22, 2018 11:19 pm Da Guerino

I link degli amici
logo







musicisti
GIOVANNI FERRO
Chi è online?
In totale ci sono 4 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 4 Ospiti

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 61 il Ven Nov 18, 2011 4:34 pm

Condividi | 
 

 La linea di minor resistenza

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Jo
Admin
Jo

Messaggi : 2793
Data d'iscrizione : 24.10.09
Località : Colognola ai Colli

MessaggioTitolo: La linea di minor resistenza   Mar Mar 13, 2012 12:13 am


Lungo la linea di minor resistenza/
siamo in marcia da gran tempo, stanchi/
ormai, ingobbiti e tuttavia grati, nell'insieme./
Di noi nessuno, credo,
più ricorda quando cominciò, /
né di dove, esattamente; un piccolo scarto forse,/
una prima deviazione a evitare vampe lontane,/
un tronco di abete o faggio a riparo,
un muricciolo di pietre,/
la breve spada per tre quarti nel fodero,
l'occhio attento,/
l'orecchio ben spalancato al fragore della battaglia/
laggiù. Non sempre era facile seguirla, la linea./
Spariva oltre un torrente ringhioso,
si perdeva nell'incavo di fossi cari/
al crescione e a limacciose lumache senza guscio.
O perché/
cadeva brusca la notte. Che fare adesso? Stavamo lì/
attorno a magri fuochi di sterpi,
malamente accampati,/
inquieti, la paura come rugiada sui nostri mantelli./
L'alba svelava molteplici insidie/
ovvie a chiunque. Quel bosco troppo fitto
troppo buio,/
quella gola tortuosa fra pareti di roccia,
quel ponticello nudo e sottile/
sui risucchi del fiume,
la palizzata sbilenca dall'aria indifesa,/
un convergere di uccelli neri sulla radura a oriente,/
l'ululìo di grossi cani tra ruderi anneriti.../
Avevamo imparato, ci tenevamo a distanza
avanzando a ginocchi piegati,/
schiena curva, in silenzio.
Ma la linea di minor resistenza.../
...ci sarebbe servita soprattutto nello smeraldo
di un prato/
prima di metter piede su dolcissime chiazze/
di mughetti, di primule. Finalmente! Lo slancio/
era invincibile, ci lasciavamo cadere su quel manto
a braccia aperte,/
lo sguardo ozioso, socchiuso, scivoloso/
su vaghe ramaglie musicali in un accenno di vento./
Api, anche.
E una libellula incerta nel battito d'ali trasparenti./
Non sembra vero, diceva qualcuno. E infatti/
non lo era. In mezzo a noi languidi/
- appena un fruscio, un taglio nel bisso -/
precipitava il primo giavellotto. Il nemico era lì/
tutto attorno. Bisognava fuggire, ritirarsi,
più di una volta/
combattere sopprimendo il tremito,
richiamando l'impigrito furore/
a denti stretti, l'urlo pronto a scoppiare, il braccio/
mulinante a caso nella mischia. Belve, tutti.

Carlo Fruttero

_________________
jotube
sito
sunny  
“Guitars should be played, not DISplayed”
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
La linea di minor resistenza
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: SI PARLA DI MUSICA :: NON DI SOLA CHITARRA VIVE L'UOMO-
Vai verso: