Ciao a te e benvenuto nel forum della Associazione Culturale ZONACUSTICA. L'obiettivo di questo posto è dare spazio a chi ha voglia e bisogno di disquisire riguardo alla MUSICA ACUSTICA, con particolare attenzione per la musica di chitarra.
 
IndiceFAQCercaGruppiRegistratiAccedi
Cerca
 
 

Risultati per:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Argomenti simili
  • » Acustica della chitarra
  • » Calibri e Fingerpicking
  • » PiorAcoustic Guitar Festival
  • » Boucher Guitars
  • » POD X3 (live)
  • » Corde dure o morbide...quali
  • Ultimi argomenti
    » Bob Brozman.. Parliamone
    Ven Ott 26, 2018 11:31 am Da giuseppe.santagada

    » Yamaha fg720s-12 e parlor vintage
    Ven Ott 19, 2018 11:40 pm Da fabfor

    » Dare una sistemata al forum
    Ven Ago 17, 2018 8:45 am Da othellico

    » digitech trio
    Ven Lug 06, 2018 2:37 am Da pacoseven

    » 2° Open Mic presso El Magasin "soto le visele"
    Ven Giu 22, 2018 6:36 pm Da Sandro

    » Grazie mille
    Lun Giu 18, 2018 10:58 pm Da Guerino

    » Quanto tempo 2...
    Dom Giu 03, 2018 6:10 am Da osvi

    » FLORIO POZZA
    Gio Mag 31, 2018 6:26 am Da spaola

    » Mi presento
    Lun Mag 28, 2018 8:25 pm Da fabfor

    » Ciao ragazzi, passavo di qui......
    Mar Mag 22, 2018 11:19 pm Da Guerino

    I link degli amici
    logo







    musicisti
    GIOVANNI FERRO
    Chi è online?
    In totale ci sono 3 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 3 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

    Nessuno

    Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 61 il Ven Nov 18, 2011 4:34 pm

    Condividi | 
     

     La chitarra sulle ginocchia

    Andare in basso 
    AutoreMessaggio
    Jo
    Admin
    avatar

    Messaggi : 2793
    Data d'iscrizione : 24.10.09
    Località : Colognola ai Colli

    MessaggioTitolo: La chitarra sulle ginocchia   Dom Ago 04, 2013 11:32 am

    Per me, con l'avambraccio ancora assai limitato nei movimenti, si tratta dell'unica posizione con cui riesco a giocherellare con la chitarra. Premo le corde, non più di un paio alla volta, con la sx a mo' di tapping e riesco perfino ad accompagnare qualche semplice canzone (The road, Guido piano..)
    In questo modo consento alla mano dx, rimasta illesa, di mantenersi allenata malgrado la drastica diminuzione dell'attività chitarristica. Gli accordi che si possono fare premendo due corde al massimo sono una ristretta cerchia, ma usando l'ingegno e qualche nozione di armonia le possibilitá aumentano. Una cosa notevole è che con le orecchie sopra la buca ti arriva un suono meraviglioso, ricco, potente e pieno di armoniche che normalmente sfuggono di lato al chitarrista tradizionale.. Poi..
    Pensate al dramma di un grande appassionato che dopo un anno di attesa riceve la sua stupenda chitarra di liuteria ma con quella riesce a fare solo quel poco che vi ho descritto.. Lei è una classica di Aldo Illotta, costruita con una perizia e una poesia da lasciar a bocca aperta. In più ha il manico ridotto rispetto una classica, il radius leggermente curvato, stesse misure della mia amata crossover..
    Intanto la suono così, sulle ginocchia, ma non manco di invitare a casa mia amici provetti chitarristi per farla vibrare a dovere, come si deve a una chitarra appena nata.. Domani entro in clinica per la riabilitazione, spero di tornare in grado di suonarla come merita

    _________________
    jotube
    sito
    sunny  
    “Guitars should be played, not DISplayed”
    Torna in alto Andare in basso
    Visualizza il profilo
    osvi



    Messaggi : 295
    Data d'iscrizione : 06.05.11
    Età : 59
    Località : Santadi - Sardegna

    MessaggioTitolo: Re: La chitarra sulle ginocchia   Dom Ago 04, 2013 12:03 pm

    Sono certissimo che sarà così Jo, tantissimi auguri per tutto.

    Osvi
    Torna in alto Andare in basso
    Visualizza il profilo
    pado_11769

    avatar

    Messaggi : 493
    Data d'iscrizione : 24.10.09
    Età : 49
    Località : Gavardo - BS

    MessaggioTitolo: Re: La chitarra sulle ginocchia   Dom Ago 04, 2013 12:15 pm

    Jo ... Hai scritto delle cose che fanno riflettere su come la passione riesce ad esaltare come merita la nostra esistenza.

    È inevitabile il percorso riabilitativo che ti aspetta, ma esso ti permetterà, ne siamo sicuri, un recupero nel miglior modo possibile, per ritornare a suonare come tutti sappiamo.

    In questo tempo la tenacia e la forza deriveranno proprio dalla musica che "ci appartiene" profondamente, così come dall'infinito amore che "ci circonda".

    La tua famiglia saprà essere determinante, così come noi del "tuo forum" non smetteremo di esortarti ... aspettandoti sulla sedia del primo open mic utile.

    Un abbraccio!

    Torna in alto Andare in basso
    Visualizza il profilo http://www.zonacustica.it
    fabfor

    avatar

    Messaggi : 252
    Data d'iscrizione : 20.11.11
    Località : Viterbo

    MessaggioTitolo: Re: La chitarra sulle ginocchia   Dom Ago 04, 2013 5:42 pm

    Ciao Jo, intanto ti auguro una velocissima convalescenza... ma a questo punto perché non approfittarne per approfondire (ma magari le suoni già) il mondo delle lap steel e delle accordature aperte? Wink 
    Torna in alto Andare in basso
    Visualizza il profilo http://www.luckypickup.tk
    Jo
    Admin
    avatar

    Messaggi : 2793
    Data d'iscrizione : 24.10.09
    Località : Colognola ai Colli

    MessaggioTitolo: Re: La chitarra sulle ginocchia   Lun Ago 05, 2013 9:08 am

    grazie amici! è proprio vero che la passione cerca in tutti i modi un contatto con l'oggetto tanto amato, anche quando si frappongono barriere apparentemente insormontabili.
    Fabfor il tuo suggerimento non è niente male, credo che riuscirei a fare molto con il lap steel da un punto di vista "fisico". Peccato che il genere più acconcio a questo strumento, il blues, non mi prenda un granché.. Anche le accordature aperte non sono una mia passione.. se non stai attento sono loro a decidere dove va la musica e non tu.. ma in certi casi non ci può permettere di scegliere e bisogna far di necessità virtù. Quindi se tra un po' non vedo risultati apprezzabili per tornare al mio suono.. prenderò in considerazione i tuoi suggerimenti

    _________________
    jotube
    sito
    sunny  
    “Guitars should be played, not DISplayed”
    Torna in alto Andare in basso
    Visualizza il profilo
    aretna

    avatar

    Messaggi : 731
    Data d'iscrizione : 10.08.10
    Età : 53
    Località : Ravenna

    MessaggioTitolo: Re: La chitarra sulle ginocchia   Lun Ago 05, 2013 11:38 am

    Jo ha scritto:
    grazie amici! è proprio vero che la passione cerca in tutti i modi un contatto con l'oggetto tanto amato, anche quando si frappongono barriere apparentemente insormontabili.
    Fabfor il tuo suggerimento non è niente male, credo che riuscirei a fare molto con il lap steel da un punto di vista "fisico". Peccato che il genere più acconcio a questo strumento, il blues, non mi prenda un granché.. Anche le accordature aperte non sono una mia passione.. se non stai attento sono loro a decidere dove va la musica e non tu.. ma in certi casi non ci può permettere di scegliere e bisogna far di necessità virtù. Quindi se tra un po' non vedo risultati apprezzabili per tornare al mio suono.. prenderò in considerazione i tuoi suggerimenti
    Vedrai che il tempo,la tenacia e la voglia di suonare ti faranno tornare come prima:) 
    Torna in alto Andare in basso
    Visualizza il profilo
    francosignore

    avatar

    Messaggi : 1004
    Data d'iscrizione : 29.11.09
    Località : Campi Salentina -Salento

    MessaggioTitolo: Re: La chitarra sulle ginocchia   Lun Ago 05, 2013 1:27 pm

    Jo ha scritto:
    grazie amici! è proprio vero che la passione cerca in tutti i modi un contatto con l'oggetto tanto amato, anche quando si frappongono barriere apparentemente insormontabili.

    Bene Jo! cosi si fa!
    ...e la passione aiuta tantissimo!


    Ultima modifica di francosignore il Lun Ago 05, 2013 1:47 pm, modificato 1 volta
    Torna in alto Andare in basso
    Visualizza il profilo http://www.francosignore.it
    Guerino

    avatar

    Messaggi : 310
    Data d'iscrizione : 04.09.12
    Età : 64
    Località : Alte Montecchio

    MessaggioTitolo: Re: La chitarra sulle ginocchia   Lun Ago 05, 2013 1:46 pm

    Ciao a tutti,
    caro Jo sono sicuro che la passione, anzi l'amore, che hai per la chitarra, ti farà superare questo brutto momento che stai attraversando. La tenacia mossa però dall'amore, ci può portare oltre i nostri sogni!
    Un abbraccio.
    Buona musica a tutti.
    Guerino
    Torna in alto Andare in basso
    Visualizza il profilo
    francosignore

    avatar

    Messaggi : 1004
    Data d'iscrizione : 29.11.09
    Località : Campi Salentina -Salento

    MessaggioTitolo: Re: La chitarra sulle ginocchia   Lun Ago 05, 2013 1:46 pm

    pado_11769 ha scritto:
    Jo ... Hai scritto delle cose che fanno riflettere su come la passione riesce ad esaltare come merita la nostra esistenza.

    È inevitabile il percorso riabilitativo che ti aspetta, ma esso ti permetterà, ne siamo sicuri, un recupero nel miglior modo possibile, per ritornare a suonare come tutti sappiamo.

    In questo tempo la tenacia e la forza deriveranno proprio dalla musica che "ci appartiene" profondamente, così come dall'infinito amore che "ci circonda".

    La tua famiglia saprà essere determinante, così come noi del "tuo forum" non smetteremo di esortarti ... aspettandoti sulla sedia del primo open mic utile.

    Un abbraccio!


    +1
    Torna in alto Andare in basso
    Visualizza il profilo http://www.francosignore.it
    Contenuto sponsorizzato




    MessaggioTitolo: Re: La chitarra sulle ginocchia   

    Torna in alto Andare in basso
     
    La chitarra sulle ginocchia
    Torna in alto 
    Pagina 1 di 1
     Argomenti simili
    -
    » Fantasticando di abbinamenti chitarra-ampli.
    » Corde Dean Markley Alchemy
    » chitarre in kit... fortemente contrario!...
    » In trepida attesa!
    » chitarre dentro o fuori...la custodia?

    Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
     :: SI PARLA DI MUSICA :: SPUNTI DI TECNICA E TEORIA MUSICALE-
    Vai verso: